Morte in seconda persona

Si pensa sia il male
è anche peggio:

è il baluginare interrotto
da un nero di corvi,
è il fragoroso rombare
di auto ammuffite,
è il fetido fetore
che i vetri fa appannare.

E poi
risale.

Risale i capillari
raggiunge un cuore bambino
lo inchiostra.

E poi
ti sforzi,
candeggi, rilavi.

Sorpresa:
Perlana non serve

più niente teme
eppur continua a tremare
quel d’ombra pulsare.

corvo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...